Negoziazione Efficace

L’eredità dei 17 cammelli, un caso di negoziazione

Pubblicato il
eredità dei 17 cammelli

Oggi voglio raccontare una storia di negoziazione che viene da lontano.

Molto tempo fa in Medio Oriente, un ricco sceicco decide di lasciare ai suoi tre figli un’eredità distribuita in questo modo: al primogenito spetterà la metà dei suoi averi, al secondogenito un terzo e un nono al terzogenito.

Al momento della sua morte, lo sceicco possedeva 17 cammelli. I tre figli si resero così conto che 17 cammelli non potevano dividersi né per due, né per sei, né per 9. Iniziarono a discutere, fin quasi arrivando allo scontro, finché arrivò una vecchia signora. Avendo sentito della loro vicenda, la vecchia volle aiutarli, dispiaciuta di vedere il rapporto tra fratelli in crisi per un’eredità. Decise così di prestare loro il suo unico cammello.

A quel punto i cammelli da dividere divennero 18: i tre fratelli fecero così nuovamente i calcoli.

Al primogenito spettarono 9 cammelli (18:2=9).

Al secondogenito spettarono 6 cammelli (18:3=6).

Al terzogenito spettarono 2 cammelli (18:9=2).

Avanzò un cammello, che restituirono alla vecchia, ringraziandola.

Questa storia mette in luce uno dei 4 principi base di una negoziazione efficace: piuttosto che soffermarsi sulla mera suddivisione delle risorse disponibili, può essere utile valutare di accrescere, anche in modi creativi e alternativi, la posta in gioco per dare a tutte le controparti un esito soddisfacente della negoziazione.

2 pensieri su “L’eredità dei 17 cammelli, un caso di negoziazione

  1. Appena finito il corso sulla Negoziazione efficace condotto da Sara Fresu a cui vanno i miei più sinceri complimenti.
    Ho avuto la piacevole occasione di conoscerti a un precedente corso e nel trovarmi a confrontarmi con te, subito mi aveva colpito la tua capacità di analisi, di focalizzare gli aspetti più importanti della giornata di corso precedente e soprattutto la tua empatia.
    In questo corso sei stata una meravigliosa conferma.
    La tua umiltà e l’empatia con la quale ti approcci con le persone hanno contribuito a creare un ambiente positivo e armonioso. È stato bello riscoprirsi, commettere gli errori in assenza di giudizio ed anzi con tanto divertimento, e nello stesso tempo acquisire strumenti utili per superare i propri limiti imparando a riconoscerli come opportunità per migliorarsi in tutti i campi della vita.
    Oggi mi porto a casa la consapevolezza che si può sempre migliorare e che ho importanti strumenti acquisiti oggi per farlo, e anche la giusta visione di quanto sia importante la formazione per investire su sé stessi.
    Grazie mille e al prossimo corso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.