Ben-Essere Imprenditori

Lavoro e benessere: un connubio possibile?

lavoro e benessere CNA Business Academy

Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua

[Confucio]

Il concetto espresso in questa massima è con tutta probabilità il primo motore che ti ha spinto a creare una tua attività, ma alla lunga gli impegni, le responsabilità, le scadenze, possono farti dimenticare la passione iniziale, e il lavoro può diventare un peso.

Il rapporto tra lavoro e benessere può essere piuttosto complicato. Partiamo da alcuni dati: nell’Unione Europea la condizione di stress interessa circa il 22% dei lavoratori, mentre in Italia siamo al 27% con un evidente criticità rispetto agli altri paesi europei. E la depressione, secondo l’Agenzia Europea per la sicurezza e salute sul lavoro, diverrà ben presto la principale causa di congedo per malattia in Europa.

Lavoro e benessere: cosa succede nei luoghi di lavoro a causa dello stress?

Lo stress riduce la prestazione lavorativa sia manuale che intellettuale e aumenta il rischio di errori e di infortuni, riduce la memoria e la flessibilità.

Al contrario quando sei felice hai performance più elevate, un tasso di logoramento inferiore, hai meno necessità di assentarti dal lavoro.

Quale è il ruolo dell’emozione nei luoghi di lavoro?

Nell’ambito lavorativo la gestione delle emozioni ricopre un ruolo cruciale. Un problema insignificante appare insormontabile finché non emergono i sentimenti che stanno sotto quel problema: un rancore personale, un’insicurezza, una rivalità per la leadership tra due membri dello staff.

Appena tutto ciò viene allo scoperto, qualsiasi problema perde la sua importanza.

D’altra parte, quando tra i membri dello staff c’è una buona comunicazione, problemi complessi possono essere risolti rapidamente.

L’attaccamento emotivo e il coinvolgimento nell’organizzazione sono condizioni essenziali per la produttività di un’azienda. Migliorare questi aspetti significa evitare il turnover dei dipendenti e assicurarsi impiegati più soddisfatti e quindi in ultima analisi in grado di dare risultati migliori.

Cos’è l’Intelligenza Emotiva?

Si definisce intelligenza emotiva la capacità di riconoscere, utilizzare, comprendere e gestire in modo consapevole le proprie ed altrui emozioni.

Se gestisci un gruppo di persone, oppure svolgi un lavoro per cui interagisci con altre persone, secondo te, quanto può esserti utile essere consapevole di quale emozione sta guidando i tuoi pensieri e il tuo comportamento? Se fossi in grado di gestire certe emozioni come la rabbia, la tristezza, la disperazione, l’indecisione… senza subirle, come cambierebbe la tua vita?

Un leader che sponsorizza l’Intelligenza Emotiva all’interno della sua squadra contribuisce in modo importante ad avvicinare il proprio team al modello di eccellenza caratterizzato da:

  • Obiettivo comune
  • Performance quali-quantitativa
  • Collaborazione reciproca
  • Responsabilità condivisa
Come curare il proprio benessere e quello dei propri collaboratori al lavoro?

Avremo modo di approfondire nei prossimi post come allenare l’Intelligenza Emotiva per gestire, condurre e motivare sé stessi e il proprio team di lavoro migliorando la performance e il clima dell’azienda.

Possiamo però fin da ora iniziare a pensare al binomio lavoro e benessere: ecco 5 consigli che devi seguire per migliorare il benessere nel tuo luogo di lavoro:

1 Contribuisci a creare una squadra unita

Se le formiche si organizzano possono spostare un elefante: con il lavoro di squadra si ottengono i migliori risultati.

2 Sii te stesso

Non mettere da parte le tue opinioni solo perché non sono condivise. Nel rispetto di tutti, ognuno ha il diritto di esprimersi, e punti di vista diversi non possono che dare una visione d’insieme più articolata.

3 Usa l’empatia

Mettiti nei panni del tuo interlocutore: cosa prova? Cosa pensa? Comprendere le ragioni dell’altro è un passo fondamentale per costruire un dialogo e trovare nuove soluzioni.

4 Dai feedback e non critiche

Un feedback per essere efficace deve avere per oggetto l’azione e non la persona.

5 Ascolta e richiedi il parere di tutti

Accogli ogni cosa che ti viene detta come un dono per migliorarti sempre più, e non come un attacco personale.

Sara Fresu, Professional Counselor 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *